Blog Il blog di eridentimed

COS'E' LA FATICA?


A cura di Elena Zanfagna - Osteopata

Eridentimed, Arese (MI)

Tempo di lettura: 50sec


Cos'è la fatica?

Partiamo da due definizione semplici..

Fatica: incapacità di mantenere nel tempo una determinata intensità di esercizio (forza o potenza). la fatica si traduce in un deficit di forza.

Omeostasi: l'attitudine propria degli organismi a conservare le proprie caratteristiche al variare delle condizioni esterne dell'ambiente tramite meccanismi di autoregolazione

La fatica è un fenomeno fisiologico che impedisce il sovradosaggio, una sorta di allarme, ed è un evento acuto e reversibile.

Fatica periferica

La fatica può dipendere da aspetti “periferici”, ossia dalla riduzione del substrato (minor energia) o accumulo di metaboliti (= prodotti del metabolismo). Nella fatica periferica si ha un calo di forza progressivo nel tempo ma il segnale elettromiografico rimane costante, è la risposta muscolare che non è più adeguata.

Fatica centrale:

Si parla di fatica centrale quando c’è anche un calo di segnale elettromiografico e non solo un calo di forza.

Altri fattori:

Motivazione, strategia, intensità/ durata dell’esercizio influiscono sulla fatica.

La percezione della fatica è cosciente, ma c’è anche una componente sottocorticale subconscia legata al sistema autonomo che agisce sulla periferia, che a sua volta ha influenze su subconscio e SNC (sistema nervoso centrale).

Ma serve?

La fatica è necessaria per il controllo dell’omeostasi (=saturazione emoglobina, equilibrio acido/base, pressione…) e compare in presenza di una perturbazione dell’omeostasi del sistema – il soggetto riduce le sue capacità di risposta in uno stato di perturbazione dell’omeostasi!

L’allenamento rappresenta uno stimolo (STRESS) che rompe l’equilibrio alla ricerca di uno nuovo (adattamento) più performante



Il nuovo studio di Novate Milanese è aperto!

NOVATE MILANESE - Via Giuseppe Garibaldi, 1 Vedi mappa





info & social

Facebook

YouTube

Instagram

Linkedin